Tossicità dei prodotti insetticidi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Parlando con i miei clienti capisco che a volte abbiamo delle paure interne, la paura di fare una scelta che potrebbe rivelarsi sbagliata ci fa vivere in una situazione che non ci piace non permettendo di evolvere e cambiare situazione, quando basterebbe un po’ di informazione per superare lo scoglio e migliorare la nostra vita quanto meno il nostro tempo libero negli spazi che ci appartengono.

Sto parlando degli insetticidi usati per debellare le zanzare dal giardino e che tutti usano in concentrazioni molto più alte sul proprio cane per proteggerlo dalla filaria o che si trova sul collare, o ancora che viene usato sulla testa dei propri figli quando a scuola dovesse prendere i pidocchi. Questo insetticida è il piretro che si estrae da un fiore (pietro della dalmazia) che assomiglia a una grossa margherita e si è scoperto avere un elevato potere insetticida.

Il piretro viene sintetizzato in laboratorio per prendere le caratteristiche che più interessano all’utilizzatore ad es abbattente capacità di uccidere velocemente un insetto (utilizzato nelle bombolette contro le vespe o calabroni) repellente capacità di allontanare gli insetti dalla zona trattata residuale capacità di resistere alla pioggia, sole, etc snidante e no-biting etc…

 In pratica quando la zanzara si posa su una superficie trattata si sporca con questa sostanza che gli crea una paralisi uccidendola. I prodotti usati devono essere normati e riportare il grado di tossicità sull’etichetta, questi devono essere precedentemente testati in laboratorio con l’utilizzo di cavie a cui viene somministrata una certa quantità di sostanza per stabilire il grado di tossicità ecco alcuni dati.

  • molto tossico > 83,33
  • mediamente tossico > 10.5
  • nocivo > 1
  • non tossico < 1
  • piretro 1,43
  • caffeina 10,42
  • permetrina 1

E’ inoltre da considerare il fatto che il grado di tossicità viene stabilito con prodotto concentrato e che la permetrina per la lotta alle zanzare deve essere diluita all’uno% il che abbasserebbe notevolmente il grado di tossicità

Tossicità

Il prodotto che noi di Zanza mai più utilizziamo per debellare le zanzare è la permetrina un presidio medico chirurgico normato dall’istituto superiore della sanità utilizzato anche negli ospedali e negli asili.

    Contattaci per maggiori informazioni

    Ho letto l'informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Altri articoli interessanti sulle zanzare

    Le FAQ delle zanzare

    le FAQ delle zanzare

    Quanti tipi di zanzare esistono? nel mondo si conoscono 3000 specie di zanzara differenti, di cui 60 sono presenti sul suolo italiano

    Come fa a pungere la zanzara

    La zanzara femmina è dotata di un particolare apparato boccale a forma di proboscide Cava all’interno e seghettata all’esterno serve per introdurla