Un pò di cultura sulle zanzare

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La Zanzara è l’unico insetto assieme ai tafani ematofagi nutrirsi di sangue sia umano che animale ed è la creatura più mortale al mondo, causa Infatti più morti di qualsiasi altro animale attraverso le malattie che trasmette tramite la sua saliva come la malaria, la febbre dengue, la febbre gialla, l’encefalite e i comuni. Solo le femmine pungono e succhiano il sangue, questo gli serve Infatti a far maturare le uova, i maschi invece si nutrono di sostanze zuccherine che raccolgono dai fiori un po’ come le api e le farfalle.

Si calcola che una zanzara femmina che ha un ciclo vitale da 1 a 5 mesi a seconda della specie può deporre tra le 150 e le 400 uova dopo ogni pasto di sangue e arrivano a generare nella loro vita oltre 220000 nuovi individui.

Ciclo di vita della zanzara
Il ciclo di vita delle zanzare

Le zanzare possono essere attratte dal nostro odore fino a 160 m di distanza grazie a recettori di anidride carbonica per questo motivo l’alimentazione o il metabolismo particolarmente elevato sono in grado di rendere alcune persone più facilmente individuabili (quelle sovrappeso e le donne in gravidanza per esempio sono le più a rischio). A renderci poi ancora più appetitosi sono l’attività fisica: avvertono Infatti l’odore dell’acido lattico dell’ammoniaca e dell’acido urico espulsi con il sudore, l’alcol perché aumenta la temperatura corporea che ci rende più appetibili.

Secondo uno studio scientifico effettuato su 64 persone dai ricercatori del test control Technology Institute Preferiscono il sangue del gruppo 0 più che quello del gruppo B. Il prurito e i ponfi che si creano dopo la puntura della zanzare sono dovuti al rilascio di istamina nel nostro corpo in risposta alla saliva della zanzara tossica per noi che questa ci inietta per intensificare l’afflusso di sangue ed evitare che coaguli mentre se ne nutre. La reazione cambia da persona a persona in generale ma comunque gli esperti consigliano di non grattarsi, servirebbe solo a muovere i residui di saliva aumentando così la risposta all’istamina. E’ sempre meglio lavare le punture con sapone neutro e acqua fredda.

Sapevate poi che le zanzare non esistono in tutto il mondo? in alcuni paesi come l’Islanda e le isole Faroe sembra che non ce ne siano, il freddo non c’entra poiché in Norvegia come in Russia ma anche in Alaska ad esempio le zanzare ci sono. Potrebbe invece dipendere dalla chimica dell’acqua e del terreno di questi territori cosa che impedirebbe lo sviluppo delle larve. Le zanzare infatti hanno bisogno dell’acqua per sopravvivere e sono in grado di colonizzare anche gli specchi d’acqua più poveri d’ossigeno come le pozzanghere, è lì dove vengono deposte le uova e si sviluppano le larve fino alla maturazione.

In Italia ci sono circa 60 specie di zanzare le più diffuse sono: le Culex nome della specie più diffusa, le Anopheles che veicolano la malaria e poi ci sono le Ades che sono le più temibili e a cui appartiene anche la zanzara tigre e la zanzara coreana o Ades Courageous ultima arrivata e segnalata nelle zone montane del Bellunese.

Affidatevi a noi per installare un impianto antizanzare efficiente per prevenire tutti i rischi esposti.

    Contattaci per maggiori informazioni

    Ho letto l'informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Altri articoli interessanti sulle zanzare

    West Nile Virus

    Zanzare vettore e il virus West Nile

    Non solo nei paesi dell’Africa o dell’India ma purtroppo arrivano anche da noi e sono ogni anno più numerosi Sto parlando di